Salta al contenuto principale

VIENI A TROVARCI

VIENI A TROVARCI DAL LUNEDÌ AL VENERDI'
Dalle 10.00 alle 12.00
APERTA AL PUBBLICO

VISITA LA NOSTRA SEDE ONLINE!

Non puoi venire a trovarci? Non perdere l'occasione di visitare la sede di ANPI Parma dal tuo dispositivo!


Iscriviti all'ANPI

L'ANPI è felice di accogliere tutti coloro che abbracciano i suoi ideali,
scopri come resistere insieme con un click!

Non abbassare la guardia: resisti contro il virus, segui le direttive!

Non bisogna abbassare la guardia! Clicca e scopri come difenderti e proteggere gli altri!
  • Partigiano
    Il Monumento al Partigiano

    Dagli anni cinquanta il Monumento al Partigiano svetta con orgoglio in Piazzale della Pace a Parma, come omaggio alla resistenza e in memoria della lotta contro il nazifascismo. L'idea della sua costruzione nacque nel 1951 a opera delle Associazioni Partigiane. A capo del comitato promotore c'era Piero Campanini, ultimo presidente del CLN provinciale. A esso aderirono il capo dello stato Luigi Einaudi, il presidente del senato Enrico De Nicola, il presidente della Camera Giovanni Gronchi e il presidente del Consiglio dei ministri Alcide De Gasperi.

  • campionimascherpa
    Gli ammiragli Inigo Campioni e Luigi Mascherpa

    Luigi Mascherpa e Inigo Campioni vennero fucilati la mattina del 24 maggio del 1944 presso il poligono di tiro parmense. Erano due ammiragli della Regia Marina Italiana, fino all'otto settembre. In quel momento si trovavano con le loro navi nell'arcipelago del Dodecaneso, al largo della Grecia. Dopo l’armistizio si rifiutarono di arrendersi ai tedeschi e combatterono al fianco dei britannici per oltre due mesi.

  • grata
    Una lapide in Ateneo

    Nel giugno del 1944 venne istituita anche a Parma la Brigata Nera. Gestita dal segretario federale Pino Romualdi e dal tenente Egisto Maestri, prese sede in un palazzo requisito all’Università. L'edificio era in quella che allora si chiamava via Walter Branchi, rinominata nel dopoguerra via Giordano Cavestro.
    Le cantine dell’edificio vennero trasformate in celle di sicurezza dove molti antifascisti furono tenuti prigionieri mentre i locali del primo piano vennero adibiti come luogo di tortura durante gli interrogatori.

  • cln flag
    La nascita del CLN a Parma

    Quando i rappresentanti dei partiti antifascisti, dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, decisero di unirsi in Comitati di Liberazione Nazionale, la situazione italiana era caotica: fra il Nord occupato, e il sud già liberato dalle forze alleate, la demarcazione era netta. I CLN locali agirono dunque in due differenti modalità: a sud come forza politica per favorire lo sviluppo democratico dello stato, al nord invece come forza combattente contro i tedeschi e i fascisti.

  • daz
    Cleonice Cavalca, l'ottavo martire del Primo Settembre '44

    Vittima delle raffiche di mitra esplose da alcuni militanti delle famigerate “Brigate Nere”, il trentuno agosto del 1944, fu anche Cleonice Cavalca. Era una donna di 76 anni che gestiva un'osteria con il figlio Giovanni Boccaccia, in via D’Azeglio, in corrispondenza dell’attuale civico 48.

Trova la nostra sede più vicina!

Vuoi iscriverti o desideri raggiungerci ma non sai dove trovarci ?
Nessun problema!
Le nostre sedi sono ben distribuite sul territorio,
clicca per scoprire la più vicina a te!

Leggi il fumetto online!

Il fumetto in memoria
di Soemo Alfieri
è ora consultabile online !
Scopri anche tu la storia del Partigiano "Russia" !

Contatti

Per avere maggiori informazioni e per iscriversi,
potete venirci a trovare al seguente indirizzo o
contattarci tramite i nostri recapiti:

TELEFONO

Tel:
0521 286236