Salta al contenuto principale
Era il dicembre del 2016 quando Patria Indipendente – il quindicinale on-line dell’A.N.P.I. Nazionale – pubblicava l’inchiesta su neofascismo e web condotta dal gruppo di lavoro coordinato da Giovanni Baldini.  Un lavoro minuzioso che portò al censimento di 3600 pagine web variamente collegate tra loro, 500 delle quali con apologia di fascismo.  Una fotografia di quella che è stata subito definita “la galassia nera” sul web.  Immagine inquietante dell’attivismo dei gruppi di estrema destra nella società rea

Era il dicembre del 2016 quando Patria Indipendente – il quindicinale on-line dell’A.N.P.I. Nazionale – pubblicava l’inchiesta su neofascismo e web condotta dal gruppo di lavoro coordinato da Giovanni Baldini.

Un lavoro minuzioso che portò al censimento di 3600 pagine web variamente collegate tra loro, 500 delle quali con apologia di fascismo.

Una fotografia di quella che è stata subito definita “la galassia nera” sul web. Immagine inquietante dell’attivismo dei gruppi di estrema destra nella società reale.

 

Continuando nella metafora “astronomica” quello della destra neo fascista, più o meno camuffata, sembra un universo in espansione e la società occidentale sembra risucchiata e precipitante in un buco nero.

 

Non c’è bisogno di ricordare i quasi quotidiani episodi di oltraggio a lapidi, cippi, luoghi di memoria, le esibizioni di coreografie nostalgiche, le roboanti dichiarazioni sovraniste e xenofobe, fino al culmine del recente raid di Macerata.

 

Parlando di quest’ultimo la Presidente nazionale Carla Nespolo ha concluso la sua dichiarazione con queste parole: “Il fascismo di ritorno, troppo spesso tollerato, va contrastato con chiarezza e fermezza. Ora basta”.

 

“Ora basta”. Come “MAI PIU’ FASCISMI”, l’Appello alle Istituzioni Democratiche, sottoscritto da A.N.P.I. e da tante altre sigle democratiche, per il quale è stata lanciata una grande raccolta di firme, aperta, per quanto ci riguarda, dalle giornate del tesseramento del 3 e 4 febbraio 2018.

 

A.N.P.I. provinciale di Parma, insieme alla sezione cittadina, propone ai propri iscritti e alla cittadinanza una riflessione su questi temi.

Ne parleremo con chi ha coordinato la ricerca di Patria Indipendente e quindi ha avuto modo di guardare dentro a questo fenomeno, sabato 10 febbraio, dalle 16.30 presso la sede di P.le Barbieri, 1.